Cover Me è un contest musicale organizzato da Noi & Springsteen, attivissimo fanclub di Bruce Springsteen con sede a Bergamo. Guidato dall’appassionato Alberto Lanfranchi, il sodalizio propone un contest nel quale cantanti e band reinterpretano canzoni di Bruce Springsteen. Arrivato alla sua quinta edizione, Cover Me quest’anno ha visto la partecipazione di 40 band e artisti. 20 di questi hanno passato il primo step, grazie al voto di una giuria formata da personaggi di grande spessore, legati a diverso titolo al settore musicale. Ora tocca al pubblico votare online, per definire la griglia dei 10 finalisti che concorreranno alla finalissima del 14 luglio presso il Parco Sant’Agostino di Bergamo. Puoi esprimere il tuo voto entro il 30 giugno 2024. Gli articoli “Cover Me 2024, vota i finalisti” ti presentano le cover ancora in gara.

 

Le mie mini-recensioni e il tuo voto

In ogni articolo troverai una mini-recensione del brano con il link al sito di Noi & Springsteen, dove potrai ascoltare il brano e esprimere il tuo voto. Puoi votare più di una canzone, anche tutte, con un voto che va da 1 a 5. Troverai anche un link per l’ascolto della versione originale di Bruce Springsteen e un link che ti rimanda alla traduzione del testo, se vuoi (ri)leggerlo. La cover di oggi è Mansion On The Hill di Lorenzo Lepore & Lucanint.

16 – Lorenzo Lepore & Lucanint – Mansion On The Hill

Brano inserito nello splendido album acustico Nebraska del 1982, Mansion On The Hill è proposto in originale da Springsteen in versione puramente folk, con arpeggio di chitarra acustica, mandolino e armonica a bocca. Lorenzo Lepore & Lucanint ne propongono una cover che, pur affondando come l’originale nelle radici della musica popolare americana, trasforma la canzone in qualcosa di totalmente inedito, al punto di far apparire l’originale solo un motivo di ispirazione. Il testo in italiano, più che un adattamento delle liriche di Springsteen, racconta una storia a sé, quella di un soldato che muore in guerra nel desiderio di tornare alla propria casa. Sul lato musicale è tutto nuovo: accordi diversi, una chitarra bluesy suonata con il bottleneck, bridge strumentali inattesi, un controcanto vibrante, prima di un finale di percussioni e cori con le potenzialità di un refrain che ispira un canto collettivo.

 

Ascolta e vota la Cover

 

Ascolta l’originale di Bruce Springsteen

 

La traduzione di Mansion On The Hill

 

Dario Migliorini

 

Se ti è piaciuto questo articolo commentalo e condividilo sui tuoi profili Social

 

Condividi questo articolo