Cover Me è un contest musicale organizzato da Noi & Springsteen, attivissimo fanclub di Bruce Springsteen con sede a Bergamo. Guidato dall’appassionato Alberto Lanfranchi, il sodalizio propone un contest nel quale cantanti e band reinterpretano canzoni di Bruce Springsteen. Arrivato alla sua quinta edizione, Cover Me quest’anno ha visto la partecipazione di 40 band e artisti. 20 di questi hanno passato il primo step, grazie al voto di una giuria formata da personaggi di grande spessore, legati a diverso titolo al settore musicale. Ora tocca al pubblico votare online, per definire la griglia dei 10 finalisti che concorreranno alla finalissima del 14 luglio presso il Parco Sant’Agostino di Bergamo. Puoi esprimere il tuo voto entro il 30 giugno 2024. Gli articoli “Cover Me 2024, vota i finalisti” ti presentano le cover ancora in gara.

 

Le mie mini-recensioni e il tuo voto

In ogni articolo troverai una mini-recensione del brano con il link al sito di Noi & Springsteen, dove potrai ascoltare il brano e esprimere il tuo voto. Puoi votare più di una canzone, anche tutte, con un voto che va da 1 a 5. Troverai anche un link per l’ascolto della versione originale di Bruce Springsteen e un link che ti rimanda alla traduzione del testo, se vuoi (ri)leggerlo. La cover di oggi è El Spèrit Ed Tom Joad (The Ghost Of Tom Joad) di Riccardo Sgavetti.

5 – Riccardo Sgavetti – El Spèrit Ed Tom Joad

The Ghost Of Tom Joad è la title track del secondo grande album acustico di Springsteen, risalente al 1995. La canzone è presentata da Riccardo Sgavetti in una versione che sorprende. Il primo elemento di forte originalità è inevitabilmente l’interpretazione vocale, che propone una rilettura del testo in dialetto emiliano, reggiano per la precisione. Un’interpretazione che richiama inevitabilmente la tradizione cantautorale emiliana, anche dialettale come quella dei vicini Modena City Ramblers. Ma elementi di originalità non mancano anche negli arrangiamenti musicali. Come, ad esempio, la scelta di far “condurre le danze” a una chitarra elettrica distorta in arpeggio e quella di inserire una partitura di pianoforte nella seconda parte. E nel finale entrano anche robuste percussioni, che contribuiscono ad aumentare la tensione del brano..

 

Ascolta e vota la Cover

 

Ascolta l’originale di Bruce Springsteen

 

La traduzione di The Ghost Of Tom Joad

 

Dario Migliorini

 

Se ti è piaciuto questo articolo commentalo e condividilo sui tuoi profili Social

 

Condividi questo articolo