Cover Me è un contest musicale organizzato da Noi & Springsteen, attivissimo fanclub di Bruce Springsteen con sede a Bergamo. Guidato dall’appassionato Alberto Lanfranchi, il sodalizio propone un contest nel quale cantanti e band reinterpretano canzoni di Bruce Springsteen. Arrivato alla sua quinta edizione, Cover Me quest’anno ha visto la partecipazione di 40 band e artisti. 20 di questi hanno passato il primo step, grazie al voto di una giuria formata da personaggi di grande spessore, legati a diverso titolo al settore musicale. Ora tocca al pubblico votare online, per definire la griglia dei 10 finalisti che concorreranno alla finalissima del 14 luglio presso il Parco Sant’Agostino di Bergamo. Puoi esprimere il tuo voto entro il 30 giugno 2024. Gli articoli “Cover Me 2024, vota i finalisti” ti presentano le cover ancora in gara.

 

Le mie mini-recensioni e il tuo voto

In ogni articolo troverai una mini-recensione del brano con il link al sito di Noi & Springsteen, dove potrai ascoltare il brano e esprimere il tuo voto. Puoi votare più di una canzone, anche tutte, con un voto che va da 1 a 5. Troverai anche un link per l’ascolto della versione originale di Bruce Springsteen e un link che ti rimanda alla traduzione del testo, se vuoi (ri)leggerlo. La cover di oggi è I’m On Fire di Sam Scherdel.

14 – Sam Scherdel – I’m On Fire

Il celebre brano estratto da Born In The U.S.A., terzo dei sette singoli estratti dal blockbuster del 1984, viene reinterpretato dal cantautore inglese Sam Scherdel con significativi elementi di originalità, pur nel solco di una versione originale ben riconoscibile. La voce carica di sensualità di Springsteen viene sostituita da un timbro vocale più acuto, una voce strappata, inquieta. L’arpeggio di chitarra, che si appoggia sull’originale di Bruce, tuttavia è suonato su note più alte, in una posizione più avanzata del manico della chitarra. La struttura della canzone è oggetto di alcune modifiche, non solo nella disposizione del testo ma anche per l’inserimento di alcune sequenze di accordi. Altri notevoli elementi di contrasto con l’originale sono l’inserimento di un assolo centrale di chitarra elettrica e un tocco di pianoforte proprio sulla nota finale secca.

 

Ascolta e vota la Cover

 

Ascolta l’originale di Bruce Springsteen

 

La traduzione di I’m On Fire

 

Dario Migliorini

 

Se ti è piaciuto questo articolo commentalo e condividilo sui tuoi profili Social

 

Condividi questo articolo