Le canzoni natalizie di Bruce Springsteen sono fondamentalmente due. Non si tratta di canzoni scritte da lui, ma di due cover di brani classici: Santa Claus In Comin’ To Town e Merry Christmas Baby. La prima è stata scritta quando il rock’n’roll non esisteva ancora, ma la sua versione più conosciuta, grazie anche alla divertente e debordante proposta live di Bruce Springsteen, si riferisce al rock’n’roll più puro. La seconda invece, dai ritmi più tipicamente rhythm & blues, fu scritta un decennio più tardi e portata al successo da diversi grandi artisti, a cominciare dai soulmen James Brown e Otis Redding.

Cenni storici di Santa Claus Is Comin’ To Town

Santa Claus Is Comin’ to Town è stata scritta da J. Fred Coots e Haven Gillespie e registrata per la prima volta da Harry Reser and His Band, ma divenne un successo già nel 1934, quando fu registrata da Eddie Cantor nel suo programma radiofonico. Nello stesso anno anche una seconda versione, quella di George Hall and His Orchestra con la voce di Sonny Schuyler divenne molto popolare. Da allora Santa Claus Is Comin’ To Town è stata registrata da oltre 200 artisti, tra cui si ricordano le versioni di Bing Crosby, The Crystals, Neil Diamond, Fred Astaire, Frank Sinatra, Chris Isaak, The Temptations, The Pointer Sisters, The Carpenters, Michael Bublé e i Jackson 5, oltre ovviamente a Bruce Springsteen. La versione di The Crystals, prodotta nel 1963 da Phil Spector per l’album A Christmas Gift for You, fu molto ispiratrice per Bruce Springsteen che non solo la utilizzò come riferimento musicale per costruire la sua esecuzione, ma ne adottò per gran parte il testo e la sua distribuzione nell’ambito della canzone.

La versione di Bruce Springsteen

Santa Claus Is Comin’ To Town fu suonata per la prima volta da Springsteen nel 1973, quindi esattamente 50 anni fa, nell’anno in cui Bruce aveva inciso i suoi promi due album ed era in tour con la prima E Street Band. Ma la versione live “ufficiale” fu registrata il 12 dicembre 1975 al C. W. Post College di Brookville, New York. Da allora Springsteen l’ha suonata 167 volte dal vivo ed è singolare che le sue performance siano avvenute anche nei mesi caldi, da maggio a settembre, seppur ovviamente in numero meno frequente. Per la maggior parte le esecuzioni appartengono ai periodi pre- e post-natalizi durante tutte le tournée in cui si è ritrovato a suonare in quel periodo dell’anno. La versione live di Springsteen è diventata nel tempo una delle versioni più conosciute e di successo della canzone, grazie alla gioia che traspare nella voce di Bruce e alla potenza del sound della E Street Band (con il Professore Roy Bittan ancora una volta sugli scudi al pianoforte). Ma sono motivi del grande successo di questa versione anche i siparietti divertenti con Clarence Clemons, che vestito da Babbo Natale suona le campanelle, esegue le grasse risate tipiche di Santa Claus e canta con la sua voce baritonale il verso “You better be good for goodness sake” (“fai meglio a fare il bravo, per l’amor di Dio“). Santa Claus Is Comin’ To Town è stata lanciata da Springsteen anche come B-Side del singolo My Hometown, estratto da Born In The U.S.A. e pubblicato nel novembre 1985.

Cenni storici di Merry Christmas Baby

Merry Christmas Baby è uno standard natalizio rhythm & blues, accreditato a Lou Baxter e Johnny Moore. Lou Baxter era l’autore originario ma, non riuscendo a terminarla e a produrla, chiese aiuto all’amico Johnny Moore che nel 1947, insieme ai suoi Three Blazers la registrò, con Charles Brown alla voce e al pianoforte. Per questo Baxter e Moore ne risultano co-autori. Lo stesso Brown ha continuato a registrare molte versioni della canzone per tutta la sua carriera per varie etichette. La sua versione di maggiore successo è quella del 1956. Successivamente, molti altri artisti hanno registrato interpretazioni della canzone, tra cui alcuni mostri sacri del rock’n’roll e del rhythm & blues, come Chuck Berry, James Brown, Ike & Tina Turner, Otis Redding, B.B. King, Elvis Presley, oltre a Bruce Springsteen. Anche la giovane popstar Christina Aguilera ne ha registrato una versione.

La versione di Bruce Springsteen

Springsteen suonò Merry Christmas Baby per la prima volta al Nassau Coliseum di Uniondale, NY nel corso del The River Tour alla fine del 1980. Da allora le esecuzioni dal vivo sono state solo 19. Davvero poche rispetto a Santa Claus Is Comin’ To Town e tuttavia anche questa versione live ha avuto un discreto successo. Questo grazie a due diversi momenti. Dapprima, nel 1986, Springsteen la pubblicò come B-side del singolo War, brano firmato nel 1969 da Norman Withfield e Barrett Strong e pubblicato per la prima volta nel 1970 dai Temptations. Poi Merry Christmas Baby fu inclusa nella raccolta natalizia A Very Special Christmas del 1987 (si tratta proprio di una delle performance live di Uniondale nel 1980). Fu Jimmy Iovine, grande amico di Bruce, a produrre questo album di beneficienza per le Paralimpiadi del 1987. Iovine raccolse, oltre a Bruce, altre grandi star degli anni ’80: U2, Pretenders, John Cougar Mellencamp, Run-D.M.C., Eurythmics, Sting, Madonna, Bob Seger & The Silver Bullet Band, Alison Moyet, Bon Jovi, Brian Adams, Stevie Nicks, Whitney Houston e The Pointer Sisters. Proprio le Pointer Sisters furono selezionate da Iovine per Santa Claus Is Comin’ To Town, così Bruce riparò su Merry Christmas Baby, che comunque aveva piacere a lanciare come seconda canzone natalizia live. La versione springsteeniana di Merry Christmas Baby rispecchia nella ritmica l’originale rhythm & blues e si basa soprattutto sul pianoforte di Roy Bittan, sull’organo Hammond di Danny Federici e sul sax di Clarence Clemons, che come in Santa Claus Is Comin’ To Town esegue anche un assolo. Sul lato musicale Merry Christmas Baby è una sorta di Tenth Avenue Freeze-Out in versione natalizia.

 

Leggi anche: Bruce Springsteen candidato ai Golden Globe 2024

 

Dario Migliorini

 

Se ti è piaciuto questo articolo commentalo e condividilo sui tuoi profili Social.

 

Condividi questo articolo