Home » Blog Le Perle » Traduzione Canzoni » Traduzione Jungleland – Bruce Springsteen

Traduzione Jungleland – Bruce Springsteen

Aggiornato il 27 Lug, 2022 | Words and Music |

TRADUZIONE di JUNGLELAND

(Bruce Springsteen)

 

GIUNGLA D’ASFALTO

 

I Ranger si sono radunati a Harlem ieri sera

E Magic Rat ha guidato la sua macchina lucente

oltre il confine del New Jersey

Una ragazza scalza siede sul cofano di una Dodge

Bevendo birra calda nella soffice pioggia estiva

Rat è entrato in città con il risvolto ai pantaloni

Insieme si cimentano in una storia d’amore

e spariscono sulla Flamingo Lane

 

I massimi rappresentanti della legge si sono buttati sulla Flamingo

inseguendo Rat e la ragazza scalza

E i ragazzi da queste parti sembrano giusto ombre

sempre calmi, si tengono per mano

Dalle chiese alle galere stanotte nel mondo tutto è in silenzio

Mentre prendiamo il nostro posto nella giungla d’asfalto.

 

Le bande di mezzanotte sono riunite

e sono andati al loro appuntamento notturno

Si sono incontrati sotto l’enorme cartello della Exxon

che porta una bella luce sulla città

C’è un’opera fuori sul Turnpike

C’è un balletto che si combatte nei vicoli

Finché la polizia locale aziona il lampeggiante e lacera questa notte sacra

La strada è viva mentre i debiti segreti vengono saldati

I contatti presi svaniscono nemmeno notati

I ragazzi fanno luccicare le chitarre come coltelli a serramanico

E si spingono per gli amplificatori

Gli affamati e i ricercati

esplodono in una band di rock’n’roll

E si fronteggiano uno contro l’altro fuori in strada

Giù nella giungla d’asfalto.

 

Nel parcheggio i visionari vestono all’ultimo grido

Nelle strade secondarie le ragazze ballano sulla musica mandata dal DJ

Gli innamorati solitari soffrono in angoli bui

Disperati mentre la notte continua

Solo uno sguardo e un sospiro, e sono andati

 

Sotto la città battono due cuori

Motori dell’anima che corrono in una notte così tenera

In una stanza chiusa a chiave nei sospiri di un soffice rifiuto

E poi la resa

Nei cunicoli di periferia il sogno stesso di Rat lo ha steso con una pistola

Mentre gli spari echeggiano in quei corridoi nella notte

Nessuno osserva quando l’ambulanza lo porta via

O quando la ragazza spegne la luce della camera da letto.

 

Fuori le strade sono infuocate in valzer mortale

Tra ciò che è carne e ciò che è fantasia

E i poeti quaggiù non scrivono proprio nulla

Stanno nelle retrovie e lasciano che tutto si compia

E nel mezzo della notte raggiungono il loro momento

e provano ad avere un atteggiamento onesto

Ma si ritrovano feriti, non ancora morti

Stanotte nella giungla d’asfalto

 

LEGGI QUI LA MIA RECENSIONE DI JUNGLELAND

 

Esprimere se stessi è segno di vitalità e di distinzione. Fallo anche tu e commenta qui.

Dario Migliorini

 

Condividi questo articolo

Ho selezionato per te questi 2 articoli

Seguimi sui Social

Il mio Romanzo

Commenti

Recensioni recenti

Dario Migliorini

Dario Migliorini

Autore

Mi presento… sono Dario Migliorini, un giovanotto del 1971 nato a Codogno e residente nel Basso Lodigiano. Convivo con Lara, ho una figlia, Elisa, e sono il primo di quattro fratelli. Mi sono laureato in Economia e Commercio, ma ho ereditato dal mio compianto papà Umberto la passione per la scrittura. Lui, oltre a essere uno storico amministratore locale, si era appassionato di storia lodigiana e aveva scritto diversi libri sull’argomento. Io, dopo la sua morte, ho curato la pubblicazione di due biografie: E Sono Solo Un Uomo (che racconta la vita del sacerdote missionario Don Mario Prandini) e Il Re Povero (che ripercorre tutto quello che mio padre ha combinato su questa terra). Dal 2008 presiedo anche un Centro Culturale che mio padre aveva fondato nel 1991 e che ora porta il suo nome

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.