Traduzione – Mary Queen Of Arkansas – Bruce Springsteen

mary-queen-1
Scritto e pubblicato da

Dario Migliorini

  1. Home
  2. Blog Le Perle
  3. Traduzione Canzoni
  4. Traduzioni Bruce Springsteen
  5. Traduzione - Mary Queen Of Arkansas - Bruce Springsteen

TRADUZIONE CANZONE – MARY QUEEN OF ARKANSAS – BRUCE SPRINGSTEEN

 

MARY, REGINA DELL’ARKANSAS

 

Mary, regina dell’Arkansas, non è troppo presto per sognare

Il cielo si è riempito di nuvole cariche e l’amore di un bastardo può redimere

Mary, mia regina, il tuo soffice relitto si sta rivitalizzando

No, non sei troppo in ritardo per dissacrare, i servi si stanno solo sollevando

 

Beh, io sono solo un acrobata solitario, il filo ad alta tensione è il mio mestiere

Sono stato un ragazzo d’oro per la tua acida prole e un topo di fogna del tuo stato

Mary, mia regina, mancano i tuoi soffi per la libertà

Per me non sei abbastanza uomo per odiarti, né abbastanza donna per baciarti

 

Il tendone è per sognatori, possiamo portare il circo dritto fino al confine

E le forche aspettano martiri le cui carte sono in ordine

Ma io non sono nato per vivere e morire e tu non sei nata per governare

Non è troppo tardi per infiltrarsi, i servi se ne stanno solo andando

 

Mary, regina dell’Arkansas, la tua pelle bianca è ingannevole

Ti svegli e aspetti che l’esca inganni e quasi ci sono cascato

Ma sul tuo letto, Mary, riesco a vedere l’ombra di un cappio

Non capisco come puoi tenermi così stretto e amarmi in modo così dannatamente sciolto

 

Ma io conosco un posto dove possiamo andare, Mary

Dove posso trovare un buon lavoro e ricominciare daccapo, pulito

Ho stretti contatti in Messico, dove i servi sono stati visti

 

Traduzione di Dario Migliorini

 

Se ti è piaciuto questo articolo commentalo e condividilo sui tuoi profili Social!

Condividi questo articolo

Categorie

Il mio Romanzo

Carrello

Commenti

Recensioni recenti

Dario Migliorini

Dario Migliorini

Autore

Mi presento… sono Dario Migliorini, un giovanotto del 1971 nato a Codogno e residente nel Basso Lodigiano. Convivo con Lara, ho una figlia, Elisa, e sono il primo di quattro fratelli. Mi sono laureato in Economia e Commercio e lavoro in banca, ma ho ereditato dal mio compianto papà Umberto la passione per la scrittura. Lui, oltre a essere uno storico amministratore locale, si era appassionato di storia lodigiana e aveva scritto diversi libri sull’argomento. Io, dopo la sua morte, ho curato la pubblicazione di due biografie: E Sono Solo Un Uomo (che racconta la vita del sacerdote missionario Don Mario Prandini) e Il Re Povero (che ripercorre tutto quello che mio padre ha combinato su questa terra). Dal 2008 presiedo anche un Centro Culturale che mio padre aveva fondato nel 1991 e che ora porta il suo nome

Potrebbero piacerti anche

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.