Traduzione My Generation – The Who

My Generation
Scritto e pubblicato da

Dario Migliorini

MY GENERATION (THE WHO) – TRADUZIONE CANZONE

 

LA MIA GENERAZIONE

 

La gente cerca di denigrarci

(Parlando della mia generazione)

Solo perché ce la spassiamo in giro

(Parlando della mia generazione)

Le cose che fanno sembrano terribilmente fredde

(Parlando della mia generazione)

Spero di morire prima di diventare vecchio

(Parlando della mia generazione)

 

Questa è la mia generazione

Questa è la mia generazione, piccola

 

Perché non svanite tutti?

(Parlando della mia generazione)

e non cercate di comprendere ciò che diciamo

(Parlando della mia generazione)

Non sto cercando di creare scalpore

(Parlando della mia generazione)

Sto solo parlando della mia generazione

(Parlando della mia generazione)

 

Questa è la mia generazione

Questa è la mia generazione, piccola

 

Perché non svanite tutti?

(Parlando della mia generazione)

e non cercate di comprendere ciò che diciamo

(Parlando della mia generazione)

Non sto cercando di creare scalpore

(Parlando della mia generazione)

Sto solo parlando della mia generazione

(Parlando della mia generazione)

 

Questa è la mia generazione

Questa è la mia generazione, piccola

 

La gente cerca di denigrarci

(Parlando della mia generazione)

Solo perché ce la spassiamo in giro

(Parlando della mia generazione)

Le cose che fanno sembrano terribilmente fredde

(Parlando della mia generazione)

Spero di morire prima di diventare vecchio

(Parlando della mia generazione)

 

Questa è la mia generazione

Questa è la mia generazione, piccola

 

 

Esprimere se stessi è segno di vitalità e di distinzione. Fallo anche tu e commenta qui.

Dario Migliorini

Condividi questo articolo

Categorie

Il mio Romanzo

Carrello

Commenti

Recensioni recenti

Dario Migliorini

Dario Migliorini

Autore

Mi presento… sono Dario Migliorini, un giovanotto del 1971 nato a Codogno e residente nel Basso Lodigiano. Convivo con Lara, ho una figlia, Elisa, e sono il primo di quattro fratelli. Mi sono laureato in Economia e Commercio e lavoro in banca, ma ho ereditato dal mio compianto papà Umberto la passione per la scrittura. Lui, oltre a essere uno storico amministratore locale, si era appassionato di storia lodigiana e aveva scritto diversi libri sull’argomento. Io, dopo la sua morte, ho curato la pubblicazione di due biografie: E Sono Solo Un Uomo (che racconta la vita del sacerdote missionario Don Mario Prandini) e Il Re Povero (che ripercorre tutto quello che mio padre ha combinato su questa terra). Dal 2008 presiedo anche un Centro Culturale che mio padre aveva fondato nel 1991 e che ora porta il suo nome

Potrebbero piacerti anche

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.