Home » Blog Le Perle » Traduzione Canzoni » Traduzione New Year’s Day – U2

Traduzione New Year’s Day – U2

Aggiornato il 28 Dic, 2021 | Words and Music |

Traduzione di NEW YEAR’S DAY – U2

 

Leggi qui la mia recensione di New Year’s Day

CAPODANNO

 

Tutto è tranquillo a Capodanno

Un mondo in bianco si mette in moto

Io voglio essere con te

Essere con te giorno e notte

Nulla cambia a Capodanno

A Capodanno

 

Io sarò di nuovo con te

Io sarò di nuovo con te

 

Sotto un cielo rosso sangue

Una folla si è radunata in bianco e nero

A braccia conserte, i pochi eletti

Il giornale dice

Dice che è vero, è vero

E noi possiamo venirne fuori

Anche se spezzati in due

Noi possiamo essere una cosa sola.

 

Io… io ricomincerò

Io… io ricomincerò

 

Oh, oh. Oh, oh. Oh, oh.

Oh, forse è il momento giusto.

Oh, forse questa notte.

Io sarò di nuovo con te.

Io sarò di nuovo con te.

 

E così ci hanno detto che questa è l’età dell’oro

E l’oro è la ragione delle guerre che facciamo

Comunque io voglio stare con te

Stare con te notte e giorno

Nulla cambia

A Capodanno

A Capodanno

A Capodanno

 

Traduzione di Dario Migliorini

 

Leggi qui la mia recensione di New Year’s Day

 

Se ti è piaciuto questo articolo commentalo e condividilo sui tuoi profili Social!

 

Condividi questo articolo

Ho selezionato per te questi 2 articoli

Seguimi sui Social

Il mio Romanzo

Commenti

Recensioni recenti

Dario Migliorini

Dario Migliorini

Autore

Mi presento… sono Dario Migliorini, un giovanotto del 1971 nato a Codogno e residente nel Basso Lodigiano. Convivo con Lara, ho una figlia, Elisa, e sono il primo di quattro fratelli. Mi sono laureato in Economia e Commercio, ma ho ereditato dal mio compianto papà Umberto la passione per la scrittura. Lui, oltre a essere uno storico amministratore locale, si era appassionato di storia lodigiana e aveva scritto diversi libri sull’argomento. Io, dopo la sua morte, ho curato la pubblicazione di due biografie: E Sono Solo Un Uomo (che racconta la vita del sacerdote missionario Don Mario Prandini) e Il Re Povero (che ripercorre tutto quello che mio padre ha combinato su questa terra). Dal 2008 presiedo anche un Centro Culturale che mio padre aveva fondato nel 1991 e che ora porta il suo nome

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *