Traduzione Sittin On The Dock Of The Bay – Otis Redding

traduzione sittin on the dock of the bay
Scritto e pubblicato da

Dario Migliorini

  1. Home
  2. Blog Le Perle
  3. Traduzione Canzoni
  4. Traduzione Musica Americana
  5. Traduzione Sittin On The Dock Of The Bay - Otis Redding

(Sittin’ On) The Dock Of The Day (Otis Redding) – traduzione canzone

 

(SEDUTO SU) IL MOLO DELLA BAIA

 

Seduto al sole del mattino

Resterò qui seduto fino a che si farà sera

Guardo le navi entrare ondeggiando

Poi le guarderò quando se ne andranno di nuovo

 

Sono seduto sul molo della baia

Mentre osservo l’arrivo della bassa marea,

Sono proprio seduto sul molo della baia

A perdere tempo

 

Sono partito dalla mia casa in Georgia

Diretto alla Baia di Frisco

Perché non avevo niente per cui vivere

E sembra che non mi arriverà niente lungo la strada

 

Quindi non farò altro che stare seduto sul molo della baia

A guardare l’arrivo della bassa marea

Sono seduto sul molo della baia

A perdere tempo

 

Sembra che niente debba cambiare

Tutto resterà immutato

Non sono in grado di fare quello che dieci persone mi dicono di fare

Quindi suppongo che rimarrò quello di sempre

 

Seduto qui a riposare le mie ossa

E questa solitudine non mi vuole lasciare in pace

Ho girovagato per duemila miglia

Solo per fare di questo molo la mia casa

 

Ora mi siederò sul molo della baia

A guardare l’arrivo della bassa marea,

Mi siederò sul molo della baia

A perdere tempo

 

Cosa ne pensi di questo testo? Senti come me quello scomodo comfort che esprime? Da un lato il dolce far nulla, dall’altro la consapevolezza di una situazione disagiata.

 

Esprimere se stessi è segno di vitalità e di distinzione. Fallo anche tu e commenta qui.

Dario Migliorini

 

Condividi questo articolo

Categorie

Il mio Romanzo

Carrello

Commenti

Recensioni recenti

Dario Migliorini

Dario Migliorini

Autore

Mi presento… sono Dario Migliorini, un giovanotto del 1971 nato a Codogno e residente nel Basso Lodigiano. Convivo con Lara, ho una figlia, Elisa, e sono il primo di quattro fratelli. Mi sono laureato in Economia e Commercio e lavoro in banca, ma ho ereditato dal mio compianto papà Umberto la passione per la scrittura. Lui, oltre a essere uno storico amministratore locale, si era appassionato di storia lodigiana e aveva scritto diversi libri sull’argomento. Io, dopo la sua morte, ho curato la pubblicazione di due biografie: E Sono Solo Un Uomo (che racconta la vita del sacerdote missionario Don Mario Prandini) e Il Re Povero (che ripercorre tutto quello che mio padre ha combinato su questa terra). Dal 2008 presiedo anche un Centro Culturale che mio padre aveva fondato nel 1991 e che ora porta il suo nome

Potrebbero piacerti anche

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.