Traduzione – The Night They Drove Old Dixie Down – The Band

the-night-2
Scritto e pubblicato da

Dario Migliorini

  1. Home
  2. Blog Le Perle
  3. Traduzione Canzoni
  4. Traduzione Musica Americana
  5. Traduzione - The Night They Drove Old Dixie Down - The Band

THE NIGHT THEY DROVE OLD DIXIE DOWN (THE BAND) – TRADUZIONE CANZONE

 

LA NOTTE CHE MISERO IN GINOCCHIO IL VECCHIO SUD

 

Virgil Caine è il nome e ho prestato servizio sul treno di Danville

Fino a quando la cavalleria di Stoneman non è arrivata a distruggere di nuovo i binari

Nell’inverno del ’65 eravamo affamati, vivi a stento

Il dieci di maggio Richmond era ormai caduta, è un momento che ricordo – oh – così bene

 

La notte che misero in ginocchio il vecchio sud, e le campane suonavano

La notte che misero in ginocchio il vecchio sud, e la gente cantava

Cantavano: la la la la la la…

 

Ero tornato nel Tennessee con mia moglie, quando un giorno lei mi chiamò

“Virgil, presto, vieni a vedere, sta passando Robert E. Lee!”

Adesso non mi interessa se sto spaccando legna, e me ne frego se questo denaro non è buono

Prendete pure quel che vi serve e lasciate il resto,

Ma non avrebbero mai dovuto portarsi via ciò che avevamo di più caro.

 

La notte che misero in ginocchio il vecchio sud, e le campane suonavano

La notte che misero in ginocchio il vecchio sud, e la gente cantava

Cantavano: la la la la la la…

 

Come mio padre prima di me, lavorerò anch’io la terra

Come mio fratello sopra di me, che ha scelto di essere un ribelle.

Aveva solo diciotto anni, fiero e coraggioso,

ma uno yankee l’ha spedito sottoterra,

E giuro su questo fango sotto ai miei piedi

Non puoi far resuscitare un Caine quando l’hai sconfitto

 

La notte che misero in ginocchio il vecchio sud, e le campane suonavano

La notte che misero in ginocchio il vecchio sud, e la gente cantava

Cantavano: la la la la la la…

 

Traduzione di Dario Migliorini

 

Se ti è piaciuto questo articolo commentalo e condividilo sui tuoi profili Social!

 

 

Condividi questo articolo

Categorie

Il mio Romanzo

Carrello

Commenti

Recensioni recenti

Dario Migliorini

Dario Migliorini

Autore

Mi presento… sono Dario Migliorini, un giovanotto del 1971 nato a Codogno e residente nel Basso Lodigiano. Convivo con Lara, ho una figlia, Elisa, e sono il primo di quattro fratelli. Mi sono laureato in Economia e Commercio e lavoro in banca, ma ho ereditato dal mio compianto papà Umberto la passione per la scrittura. Lui, oltre a essere uno storico amministratore locale, si era appassionato di storia lodigiana e aveva scritto diversi libri sull’argomento. Io, dopo la sua morte, ho curato la pubblicazione di due biografie: E Sono Solo Un Uomo (che racconta la vita del sacerdote missionario Don Mario Prandini) e Il Re Povero (che ripercorre tutto quello che mio padre ha combinato su questa terra). Dal 2008 presiedo anche un Centro Culturale che mio padre aveva fondato nel 1991 e che ora porta il suo nome

Potrebbero piacerti anche

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.