Home » Blog Le Perle » Traduzione Canzoni » Traduzione The Promised Land – Bruce Springsteen

Traduzione The Promised Land – Bruce Springsteen

Aggiornato il 5 Ago, 2022 | Words and Music |

Traduzione di THE PROMISED LAND – Bruce Springsteen

 

Leggi qui la mia recensione di The Promised Land

 

LA TERRA PROMESSA

 

In un’ autostrada tortuosa nel deserto dello Utah

Ho preso i miei soldi e mi sono diretto in città

Guidando attraverso i confini della contea di Waynesboro

Ho la radio accesa e sto solo ammazzando il tempo

Lavoro tutto il giorno nell’officina di mio padre

Guido tutta la notte in cerca di qualche miraggio

Come una ragazzina carina di cui prendermi cura.

 

I cani sulla Main Street guaiscono, perché capiscono

Se potessi prenderli un momento tra le mie mani

Signore, io non sono un ragazzo. No, sono un uomo

E credo nella terra promessa

 

Ho sempre fatto del mio meglio per vivere nel modo giusto

Mi alzo tutte le mattine e vado a lavorare tutti i giorni

Ma gli occhi si accecano e il sangue scorre freddo

A volte mi sento così debole che vorrei proprio esplodere

Esplodere e devastare questa intera città

Prendere un coltello e tagliare via questo dolore dal cuore

Trovare qualcuno che muoia dalla voglia di iniziare qualcosa

 

I cani sulla Main Street guaiscono, perché capiscono

Se potessi prenderli un momento tra le mie mani

Signore, io non sono un ragazzo. No, sono un uomo

E credo nella terra promessa

 

C’è una nuvola scura che sale dal suolo del deserto

Ho fatto le mie valigie e cammino dritto nella tempesta

Sarò un ciclone che abbatterà tutto quello

Che non ha la fede di stare nella sua terra

Spazzerò via i sogni che ti devastano

Spazzerò via i sogni che ti spezzano il cuore

Spazzerò via le bugie che non ti lasciano altro se non perso e con il cuore spezzato

 

I cani sulla Main Street guaiscono, perché capiscono

Se potessi prenderli un momento tra le mie mani

Signore, io non sono un ragazzo. No, io sono un uomo

E credo nella terra promessa

 

Traduzione di Dario Migliorini

 

Leggi qui la mia recensione di The Promised Land

 

Se ti è piaciuto questo articolo commentalo e condividilo sui tuoi profili Social!

 

Condividi questo articolo

Ho selezionato per te questi 2 articoli

Seguimi sui Social

Il mio Romanzo

Commenti

Recensioni recenti

Dario Migliorini

Dario Migliorini

Autore

Mi presento… sono Dario Migliorini, un giovanotto del 1971 nato a Codogno e residente nel Basso Lodigiano. Convivo con Lara, ho una figlia, Elisa, e sono il primo di quattro fratelli. Mi sono laureato in Economia e Commercio, ma ho ereditato dal mio compianto papà Umberto la passione per la scrittura. Lui, oltre a essere uno storico amministratore locale, si era appassionato di storia lodigiana e aveva scritto diversi libri sull’argomento. Io, dopo la sua morte, ho curato la pubblicazione di due biografie: E Sono Solo Un Uomo (che racconta la vita del sacerdote missionario Don Mario Prandini) e Il Re Povero (che ripercorre tutto quello che mio padre ha combinato su questa terra). Dal 2008 presiedo anche un Centro Culturale che mio padre aveva fondato nel 1991 e che ora porta il suo nome

2 Commenti

  1. FABIO VECCHI

    quando ascolto the promised land, io vedo BRUCE, sul palco che percorre le passerelle con la chitarra a tracolla e l’armonica in tasca, vedo l’ imponenza di big man , vedo la e-street intera che suona e non mollaun colpo. vedo la storia di un uomo che vuole emergere e non si arrende, forse bruce , forse uno qualunque, …la riscossa di un uomo che non vuole ritornare nel baratro e trova una forza a lui nascosta attaccandosi alla fede..si fa forza e contrattacca… SPAZZERO VIA TUTTO COME UN TORNADO..dice fra le altre cose ORA SONO UN UOMO E CREDO NELLA TERRA PROMESSA. ancora una volta la sua vita passata si ripropone, i fantasmi della poverta’ riemergono, lo vogliono schiacciare e sopraffare, ma questa volta non ce la faranno. il ragazzo si e’ fatto uomo, lotta e per la prima volta non soccombe sorretto dalla fede… by fabio’70

    Rispondi
    • Dario Migliorini

      The Promised Land, insieme a Thunder Road, ha il potere di farmi piangere. Nel caso di Promised Land il momento preciso è, nella versione live, quando si passa da Steve a Clarence e poi a Bruce nell’assolo. Ma hai ragione, anche il testo ti passa quell’emozione. Pensare a quell’uomo pronto ad attraversare l’uragano pur du trovare la sua libertà, la sua realizzazione. Almeno la sua dignità umana

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *