Traduzione – While My Guitar Gently Weeps – Beatles

sddefault
Scritto e pubblicato da

Dario Migliorini

  1. Home
  2. Blog Le Perle
  3. Traduzione Canzoni
  4. Traduzione Rock Europeo
  5. Traduzione - While My Guitar Gently Weeps - Beatles

While My Guitar Gently Weeps – The Beatles – Traduzione Canzone

 

MENTRE LA MIA CHITARRA PIANGE DOLCEMENTE

 

Vi guardo tutti

Vedo l’amore lì che dorme

Mentre la mia chitarra piange dolcemente

 

Guardo il pavimento

E noto che ha bisogno di una pulita

E ancora la mia chitarra piange dolcemente

 

Non so perché

Nessuno vi ha detto

Come dischiudere il vostro amore

 

Non so come

Qualcuno vi controlla

Loro vi hanno comprati e venduti

 

Guardo il mondo fuori

E mi accorgo che si sta trasformando

Mentre la mia chitarra piange dolcemente

 

Da ogni errore

Noi sicuramente impariamo qualcosa

E ancora la mia chitarra piange dolcemente

 

Non so come

Siete stati deviati

Siete stati anche corrotti

 

Non so come

Siete stati modificati nel vostro opposto

Nessuno vi ha avvisati

 

Vi guardo tutti

Vedo l’amore lì che riposa

Mentre la mia chitarra piange dolcemente

 

Vi guardo tutti

E ancora la mia chitarra piange dolcemente

 

Traduzione di Dario Migliorini

 

Se ti è piaciuto questo articolo commentalo e condividilo sui tuoi profili Social!

 

Condividi questo articolo

Categorie

Il mio Romanzo

Carrello

Commenti

Recensioni recenti

Dario Migliorini

Dario Migliorini

Autore

Mi presento… sono Dario Migliorini, un giovanotto del 1971 nato a Codogno e residente nel Basso Lodigiano. Convivo con Lara, ho una figlia, Elisa, e sono il primo di quattro fratelli. Mi sono laureato in Economia e Commercio e lavoro in banca, ma ho ereditato dal mio compianto papà Umberto la passione per la scrittura. Lui, oltre a essere uno storico amministratore locale, si era appassionato di storia lodigiana e aveva scritto diversi libri sull’argomento. Io, dopo la sua morte, ho curato la pubblicazione di due biografie: E Sono Solo Un Uomo (che racconta la vita del sacerdote missionario Don Mario Prandini) e Il Re Povero (che ripercorre tutto quello che mio padre ha combinato su questa terra). Dal 2008 presiedo anche un Centro Culturale che mio padre aveva fondato nel 1991 e che ora porta il suo nome

Potrebbero piacerti anche

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.