Home » Uncategorized » Traduzione Wish You Were Here – Pink Floyd

Traduzione Wish You Were Here – Pink Floyd

Aggiornato il 12 Ago, 2022 | Words and Music |

Traduzione di WISH YOU WERE HERE (Pink Floyd)

 

LEGGI QUI LA MIA RECENSIONE DI WISH YOU WERE HERE

 

VORREI CHE TU FOSSI QUI

 

Così, così tu pensi di saper distinguere

Il paradiso dall’inferno

I cieli blu dal dolore

Sai distinguere un campo verde

Da una fredda rotaia d’acciaio?

Un sorriso da un velo?

 

Tu pensi di saperlo distinguere?

Ti hanno portato a scambiare

I tuoi eroi per fantasmi?

Ceneri ardenti per alberi?

Aria calda per una brezza fredda?

Un freddo comfort per cambiamento?

Hai scambiato

Un ruolo da comparsa in una guerra

Per un ruolo da protagonista in gabbia?

 

Come vorrei, come vorrei che tu fossi qui

Siamo solo due anime perse

Che nuotano in una vaschetta per pesci

Anno dopo anno

Correndo sopra lo stesso vecchio suolo

E cosa abbiamo trovato?

Le stesse vecchie paure

Vorrei che tu fossi qui

 

Traduzione di Dario Migliorini

 

LEGGI QUI LA MIA RECENSIONE DI WISH YOU WERE HERE

 

Esprimere se stessi è segno di vitalità e di distinzione. Fallo anche tu e commenta qui.

 

Condividi questo articolo

Ho selezionato per te questi 2 articoli

Seguimi sui Social

Il mio Romanzo

Commenti

Recensioni recenti

Dario Migliorini

Dario Migliorini

Autore

Mi presento… sono Dario Migliorini, un giovanotto del 1971 nato a Codogno e residente nel Basso Lodigiano. Convivo con Lara, ho una figlia, Elisa, e sono il primo di quattro fratelli. Mi sono laureato in Economia e Commercio, ma ho ereditato dal mio compianto papà Umberto la passione per la scrittura. Lui, oltre a essere uno storico amministratore locale, si era appassionato di storia lodigiana e aveva scritto diversi libri sull’argomento. Io, dopo la sua morte, ho curato la pubblicazione di due biografie: E Sono Solo Un Uomo (che racconta la vita del sacerdote missionario Don Mario Prandini) e Il Re Povero (che ripercorre tutto quello che mio padre ha combinato su questa terra). Dal 2008 presiedo anche un Centro Culturale che mio padre aveva fondato nel 1991 e che ora porta il suo nome

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *